Antonio Napolitano:

Ho iniziato a pescare da piccolo praticando la pesca in mare e nei laghetti.Negli anni mi sono avvicinato sempre di più alla pesca in acqua dolce fino ad arrivare al magico mondo della pesca a mosca che mi ha portato ad abbandonare tutte le altre tecniche, mi dedico sopratutto alla pesca praticata senza tralasciare la cura degli aspetti racchiusi nel lancio e la costruzione delle mosche artificiali cercando sempre di migliorarmi e imparare cose nuove.

Tra le esperienze fatte all’estero la Nuova Zelanda rimarrà per sempre indelebile mentre la steelhead ed il tonno sono i pesci più potenti tra quelli affrontati. Amo i fiumi e torrenti dell’appennino, in primis il fiume Tronto ed ho un debole per i fiumi del nord est ed in particolare il Piave.

La tecnica praticata dipende dal contesto, dalle condizioni delle acque e dalla specie da insidiare e al momento decido come pescare per cui va bene la secca, la ninfa, lo streamer, lo stike, il popper ecc 🙂 ma sempre e rigorosamente No kill !

LINK VIDEO :

Presentazione Ars : https://vimeo.com/88567002
Pesca in inverno ars tronto : https://vimeo.com/122003501

Presentazione ARS TRONTO :

Istituita nel 2007, l’ARS TRONTO si annovera ormai tra le più frequentate riserve di pesca del centro Italia. Ubicata nel centro cittadino di Ascoli Piceno, si snoda per oltre sette chilometri consentendo ai pescatori a mosca e spinning, di praticare la propria passione in un habitat molto rustico e pochissimo antropizzato, il tutto con l’etica di un rigoroso No Kill. La lungimiranza dei dirigenti della provincia di Ascoli Piceno, coadiuvati dal locale club di pesca a mosca ,il Fly Fisherman Club, ha permesso di ottenere questo importante risultato. Il progetto che vede per l’appunto l’istituzione di questa area di pesca a regolamentazione specifica, oltre ad essere uno stimolo per lo sviluppo e la ripresa della pesca nella provincia di Ascoli Piceno, si integra in un progetto di rivalutazione turistico-ambientale legato al parco fluviale del Tronto. In questo tratto il fiume si presenta come un grosso torrente di fondovalle con bellissime lame e qualche buca di notevole profondità dove non sarà difficile imbattersi in qualche trota over size.  Alcune briglie formano interessanti buche e l’innumerevole varietà di insetti presenti in questo tratto di fiume, permette di utilizzare vari tipi di tecniche, dalla secca allo streamer e l’accrescimento dei pesci risulta essere davvero notevole, come streamer si utilizzano con buoni risultati i classici wooly bugger in colori scuri , per la pesca a secca,vera protagonista, si spazia dalle sedge da usare in caccia alle emergenti di ephemera presenti tutto l’anno oltre alle caenis da usare con le impressionanti schiuse all’alba nelle mattine estive. Anche la tecnica della ninfa trova la massima espressione, consigliamo si portare sempre nella scatolina qualche  copper o pheasant tail anche con qualche variante colorata . Le specie presenti oltre ai ciprinidi sono prevalentemente la trota fario; le fario perfettamente ambientate in queste acque, da anni si riproducono in maniera naturale.  La riserva, ampiamente segnalata da tabelle, si estende dal ponte romano di Porta Cappuccina (Borgo Solestà) al ponte della pista ciclabile del quartiere Monticelli e come già detto si estende per circa sette chilometri. I punti di accesso non sono moltissimi proprio in virtù delle sponde molto scoscese, ma per contro non ci sarà la fastidiosa evenienza di pescare con degli spettatori alle spalle, cosa difficilmente riscontrabile nella maggior parte delle riserve di pesca cittadine. In ogni caso sarà bene consultare la piantina dove sono riportati tutti gli accessi al fiume nonché i parcheggi dove lasciare l’auto. Sarà indispensabile indossare i waders a causa di probabili sbalzi di livello dell’acqua provocati dal rilascio della centrale idroelettrica sita a monte, nonché il guadino per poter praticare correttamente il catch & release .   La bellezza architettonica della città di Ascoli Piceno, le numerose iniziative storico-culturali frequenti soprattutto nel periodo estivo (giostra della Quintana, cene medioevali ecc…) la cucina marchigiana rinomata in tutto il mondo ed i bellissimi paesi che sorgono sopra le colline limitrofe (Offida, Castel Trosino, Acquaviva ecc…) fanno si che questo itinerario di pesca possa essere realizzato con famiglia al seguito, anche in considerazione del fatto che San Benedetto del Tronto, nota località balneare, si trova a soli 20 minuti dal nostro fiume.

Per pescare nella ARS Tronto No-Kill (AP):
effettuare un versamento sul conto corrente
N° 13400635
intestato a:
– AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE ASCOLI P.
UFFICIO CACCIA e PESCA SERVIZIO TESORERIA –

causale:
Permesso di pesca annuale stagione 2016
no-kill fiume Tronto “se annuale”

Permesso di pesca giornaliero valido per il…/…(inserire giorno / mese)
stagione 2016 no-kill fiume Tronto “se giornaliero”

Per l’anno in corso ( 2016 )
la quota per il permesso annuale è di euro 50,00 ( Cinquanta ).

La quota per il permesso giornaliero è di euro 8,00 ( otto )

( non dimenticate la data “giorno/mese” in cui si intende usufruire del permesso.
Il giorno di utilizzo del permesso giornaliero va scritto sulla causale, almeno fino a quando non saranno pronti i tesserini dove sarà riportata la data della giornata di pesca )

Sarà possibile ritirare i permessi presso :

  • Bar Aurora via Marcello Federici 35 63100 Ascoli Piceno Tel. 0736-258422

( Si rilasciano permessi anche la domenica )

  • Bar Brugni Via Piceno Aprutina, 14 (Vicino al 235°Reggimento Piceno)

63100 Ascoli Piceno Tel 0736-41618 ( Si rilasciano permessi anche la domenica )

  • Provincia di Ascoli Piceno ufficio caccia e pesca Tel. 0736-277713

Oppure contattare il Fly Fisherman Club Ascoli Piceno ( Circolo Legambiente Marche)

  • Travaglini Marco cell. 366-3599186
  • Angelini Ubaldo cell. 335-6794501
  • Antonio Napolitano cell.348-5727344

scheda riassuntiva

 Regione = MARCHE

 Nome spot = ARS TRONTO (lunghezza c.ca 7km)

STAGIONE PESCA : 1 gennaio – 31-Dicembre (365 gg)

Localit (Provincia, Comune etc..)  = ASCOLI PICENO

Tipo di tecnica principale o consentita (eventuali altre se permesse) = NO KILL MOSCA – SPINNING

è consentito num 1 artificiale senza ardiglione

 Difficoltà di accesso  = abbastastanza accessibile ( num 10 accessi agevoli )

Nome Località più vicina (es. luogo d’interesse, città, comune di riferimento..) = SAN BENEDETTO DEL TRONTO Riviera delle palme

Specie presenti in ordine di importanza e/o quantità =

***** TROTA FARIO

* * * CAVEDANO

* * BARBO

Sito Web di riferimento (sito descrizione tratto dell’associazione o Provincia, regolamento, stagione, altro..) WWW.FLYFISHERMAN.IT – FFCNEWS.IT – FLYFISHINGADVENTURES.IT