Ecco alcuni consigli per praticare un corretto catch & release

  1. Minimizzare il tempo di combattimento, per ridurre lo stress prodotto al pesce quindi privilegiare finali con carico di rottura più potenti.
  2. Usare ami senza ardiglione o con ardiglione schiacciato
  3. Eliminare l’ardiglione dell’amo;
  4. Bagnarsi le mani prima di toccare il pesce per due motivi : Entrando in contatto con la nostra mano a 37° C potrebbero subire uno shock termico. In secondo luogo, i pesci sono rivestiti da una mucosa protettiva, che potrebbe venire irreparabilmente compromessa, nel caso in cui il pesce fosse toccato con una mano non bagnata. La compromissione di tale patina protettiva, esporrebbe il pesce ad infezioni e funghi che potrebbero portarlo ad una successiva morte.
  5. Rilasciare il pesce il prima possibile, evitando di tenerlo fuori dall’acqua per lunghi periodi di tempo. La foto di rito ci può stare, ma il pesce deve tornare nel suo ambiente al più presto. Per la foto di rito è fondamentale evitare di toccare le branchie del pesce, che sono organi delicatissimi, così come è buona norma non prendere il pesce dalla coda.
  6. Ossigenare il pesce prima di lasciarlo andare, tenendolo per la coda e sotto il corpo, muovendolo avanti ed indietro in acqua.

Se trovi questi consigli utili condividili con i tuoi amici pescatori!

Clicca qui per rimanere sempre aggiornato sulle novità di flystore.it